Gio Ponti. Scena e design, un unico modo
  • Gio Ponti. Scena e design, un unico modo

Gio Ponti. Scena e design, un unico modo

25,00 €

 

Il volume, che inaugura la collana di arte e architettura Obliquae Imagines, indaga gli stretti rapporti che intercorrono tra scenografia teatrale e architettura usando come paradigma i lavori di Gio Ponti in questi campi.

 

  • ISBN: 9788897221555
  • disponibile

Vuoi un preventivo personalizzato? Contattaci
Gio Ponti. Scena e design, un unico modoGio Ponti. Scena e design, un unico modo25,00 €

La query viene inviata.

  •     *Campi richiesti

Caricamento in corso

  • Acquista in sicurezza. La tue transazioni sono protette. Acquista in sicurezza. La tue transazioni sono protette.
  • Spedizione in tutto il mondo. Reso facile. Spedizione in tutto il mondo. Reso facile.
  • Non trovi quello che cerci? Contattaci: customercare@gioponti.org Non trovi quello che cerci? Contattaci: customercare@gioponti.org

In poco più di tre lustri – tra il 1937 e il 1954 –, mentre consolidava la sua figura di architetto, Gio Ponti progettò sette spettacoli teatrali per balletto, prosa e lirica dando dimostrazione che disegnare un costume, scattare una fotografia, progettare un tavolo o un edificio rientrano nella medesima estetica, definendo la linea di continuità artistica propria di ciascun architetto.

Questi lavori, lungi dall'essere un semplice divertissement da colto dilettante, collocano Ponti nella condizione dell'architetto classico o, com'egli stesso si definiva, dell'«ultimo degli Umanisti».

L'approfondita indagine negli archivi privati degli eredi e la ricerca nei documenti d'epoca editi in particolare nelle riviste Domus e Stile dirette e ideate da Ponti stesso hanno permesso di verificare come lampadari, divani altri oggetti così come spazi espositivi e domestici oggi conosciutissimi, hanno nel palcoscenico il loro banco di prova prima di essere tradotti nel quotidiano e divenire icone del design.

ISBN: 9788897221555

Scheda tecnica

Autore
Silvia Cattiodoro
Formato
200 foto in b/ e a colori, molte delle quali inedite
Pagine
184